Concessionari furbetti, quando è bene tutelarsi se si intende fare un acquisto nel mercato delle auto usate
NOV 07

Concessionari furbetti, come difendersi senza rimetterci

7 novembre 2017
Quando decidiamo di acquistare un’auto usata una delle prime cose a cui pensiamo, oltre ovviamente al budget che abbiamo a disposizione, è la garanzia. Perché la garanzia interessa tanto all'acquirente? Ovviamente perché si spera che, nel caso qualcosa non funzioni come dovrebbe, si ha la possibilità di far sostituire l’eventuale pezzo difettoso e avere l’auto riparata senza dover spenderci su altro denaro. Purtroppo però quando si parla di auto usata, l’unica che si può richiedere è la garanzia del concessionario, dato che se si acquista l’auto dal venditore privato non si ha diritto ad averne. Vediamo però quali sono le possibilità e gli eventuali rischi legati alla garanzia quando si acquista un’auto usata.

Banner
 

Garanzia auto usata, il privato non te la può dare

Partiamo subito con l’analizzare un primo caso, e cioè l’acquisto dell’auto dal privato. Spesso infatti si preferisce questo canale perché si ha la possibilità di acquistare un’auto che sia valida per le nostre esigenze e che sia anche venduta a un prezzo abbordabile. Solitamente quando si acquista da un privato i prezzi, anche se di poco, sono trattabili e così si finisce per concludere una trattativa economicamente interessante. Certo, bisogna prestare molta attenzione perché acquistare da un privato significa che l’auto può presentare difetti o problemi non facilmente visibili senza un accurato controllo. 

Il problema infatti nasce proprio qui: il venditore privato non è tenuto a rilasciare alcuna garanzia sull'auto che sta vendendo, quindi se decidi di acquistare l’auto da lui dovrai fare molta attenzione ed effettuare dei controlli che ti garantiscono il reale stato dell’auto. Quindi, venditore privato, nessun obbligo di legge di rilasciare garanzie. Vediamo ora cosa cambia se si acquista da un rivenditore professionista.

Concessionario auto usate, deve rilasciare la garanzia

Se invece decidi di acquistare l’auto usata da un rivenditore professionista, ovvero un concessionario di auto usate, allora hai diritto alla garanzia, o meglio, a quella che si chiama garanzia legale. In questo caso il venditore ha l’obbligo – per legge – di consegnare all'acquirente una garanzia sull'auto usata, obbligo dal quale non si può sottrarre nemmeno prendendo accordi con l’acquirente stesso. Può essere, infatti, che qualche rivenditore provi a fare il furbetto. 

Un caso può essere quello dell’acquirente che va ad acquistare l’auto usata dal rivenditore professionista, e che si trovi a chiedere la garanzia, ma la risposta è che l’auto è a posto, che possiede tutti i tagliandi e che il prezzo è molto vantaggioso. Questo è un caso lampante di concessionario che sta cercando di fare il furbo. Devi sapere che anche se l’auto ha tutti i tagliandi in regola, la garanzia il venditore te la deve dare ugualmente. Infatti, avere i tagliandi, come anche le revisioni, perfettamente in regola, non esonera il concessionario dal doverti fornire la garanzia.

Ma su cosa si basa questa “furbata” dei concessionari? Ebbene, l’acquirente deve sempre essere messo a conoscenza del reale stato del mezzo, o almeno così dovrebbe essere, ma non sempre avviene. Va da sé che se l’auto presenta un qualche difetto, il concessionario lo deve dire e deve dire anche quale tipo di sconto sta applicando sul prezzo in virtù del difetto da sistemare. Invece tante volte qualche concessionario sventola in faccia all'acquirente tutti i tagliandi e tutte le revisioni facendo intendere che l’auto sia a posto e non sia necessaria una garanzia. Ma davvero è così?

Garanzia legale cosa dice la normativa

Prima di addentrarci nel discorso specifico della garanzia, diciamo subito che l’acquirente ha diritto ad acquistare un’auto conforme a quello che viene riportato sul contratto di vendita, in caso contrario l’acquirente ha diritto ad avere una riparazione, sostituzione, riduzione del prezzo o anche risoluzione del contratto. Ovviamente la spesa per delle sostituzioni o riparazioni devono essere a carico del venditore e devono essere effettuate entro tempi congrui. Se però l’auto è troppo vecchia e il pezzo non può essere reperito sul mercato e si necessita dunque di un pezzo di ricambio nuovo, il venditore può chiedere all'acquirente una compartecipazione della spesa. 

Riguardo alla garanzia, invece, regolata dal D.Lgs. 206 del 6/9/2005 denominato dal Codice del Consumo, implica che l’onere della prova spetti al venditore, quindi se riscontri un difetto nella tua auto usata coperta da garanzia dovrà essere il venditore a dimostrare che l’auto non presentava il difetto prima della vendita. Il periodo di durata di questa garanzia è di 24 mesi, ma in accordo con l’acquirente può essere ridotta a un minimo di 12 mesi. 

Banner

Come faccio a essere davvero sicuro

Naturalmente le truffe nel mercato delle auto usate sono tantissime, quindi non sempre è facile riuscire a fare un acquisto che sia conveniente e non presenti poi brutte sorprese. Per evitare i concessionari furbetti però c’è la possibilità di far valutare le reali condizioni dell’auto che si ha intenzione di acquistare. Basta chiedere il Certificauto che si ottiene sottoponendo l’auto a diversi test che ne rilevano le condizioni, tra l’altro viene effettuato anche un test drive, e che sono l’unica vera garanzia per il tuo acquisto. Solo con la certificazione di Certificauto puoi sapere davvero cosa stai acquistando, quindi se l’auto presenta anomalie o se ha i chilometri scalati, indipendentemente dai tagliandi dell’auto o dalla garanzia rilasciata dal rivenditore. 

Avere la certezza del tuo acquisto è un vantaggio, spendi un giusto prezzo e risparmi su eventuali riparazioni future, evitando le truffe dei furbetti.

NEWS RECENTI

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Accetto l’informativa per il trattamento dei dati personali dei visitatori del sito web Reg. UE 679/2016 (GDPR) d.gls. 101/2018.