Certificare camper, Certificauto verifica che il tuo usato sia davverosicuro e lo certifica
GEN 12

Certificare un camper: è possibile farlo?

12 gennaio 2018
Voglia di vacanze outdoor, di libertà e di non avere una meta fissa? Ottimo, quello che stai cercando allora è sicuramente un camper. Sai qual è il momento migliore per acquistarne uno usato? Proprio questo. Molti dopo le vacanze natalizie  acquistano il camper nuovo perché trovano numerose offerte, di conseguenza vendono quello usato e lo fanno con una certa premura, quindi i prezzi sono davvero interessanti. In più c’è da considerare anche il fatto che non siamo ancora in stagione, se aspetti la primavera i prezzi saliranno. Cosa fare se si vuole fare un buon acquisto ed evitare di rimanere delusi da qualche problema?

Banner

In cosa consiste il Certificauto

Nell’immaginario collettivo, probabilmente, la prima cosa che si associa al camper è la libertà. Splendide giornate al sole su lunghe strade (chi non pensa, per esempio alla route 66), alla scoperta di nuove località, da soli o con tutta la famiglia. Non resta quindi che trovare un’ottima occasione, e quindi si può optare per un camper vintage se si vuole risparmiare, ma che non ha certo tutti i comfort (purtroppo anche i consumi) degli ultimi modelli, oppure per un nuovo modello in seconda mano. 

Molti camperisti vendono il proprio mezzo dopo una sola stagione di utilizzo, quindi è facile trovare ottimi modelli venduti a prezzi vantaggiosi, però bisogna, come del resto per le auto usate, fare attenzione a non finire vittima di qualche raggiro perché anche in questo ambito, purtroppo, la fregatura è dietro l’angolo. Se vuoi acquistare un camper il primo consiglio da prendere in considerazione è quello di pensare a cosa ti serve.

Se non sei certo che la vita da camperista faccia per te, forse è bene non acquistare il modello più recente, perché anche se usato puoi arrivare a spendere cifre considerevoli. Di contro, se acquisti un camper troppo datato rischi di avere problemi magari nel reperire eventuali pezzi di ricambio, quindi è necessario fare tutte le opportune considerazioni prima di buttarsi in una trattativa.

Dove acquistare il camper, privato o concessionario?

E adesso si pone il problema se sia più opportuno acquistare il camper da un concessionario oppure se cercare tra gli annunci dei venditori privati. Allora, non c’è da ragionare più di tanto perché ci sono pro e contro in entrambe le situazioni, vediamo assieme quali sono i vantaggi e gli svantaggi in entrambe le situazioni.

Il venditore professionista dell’usato non è sempre una garanzia. Molti vanno dritti dal concessionario convinti di fare un acquisto sicuro, magari spendendo un pochino di più rispetto a quanto si può spendere da un venditore privato, ma almeno – si pensa – sarà tutto in ordine e controllato. Non è detto. Purtroppo, come capita nel settore delle auto usate, molte truffe sono state messe a segno proprio negli autosaloni dell’usato. Certo qui hai una garanzia in più, i 12 mesi della garanzia legale, quindi se qualcosa è difforme da quanto garantito potrai rivalerti sul rivenditore.

Il venditore privato invece di solito è visto come un’opportunità per risparmiare, ma lo si guarda sempre con una certa diffidenza. Si pensa infatti che le peggiori truffe le mettano a segno proprio i privati, e invece non è un’equazione matematica. L’unico problema è che con l’acquisto del camper da un privato non si ha diritto alla garanzia legale. 

Quali controlli fare prima di procedere con l’acquisto

Adesso mettiamo che hai trovato il camper che ti piace, indipendentemente dal fatto che sia venduto da un privato o da un professionista dell’usato, cosa devi controllare? Tutto, fin nel più piccolo dettaglio, e se il venditore si mostra non troppo entusiasta o accampa scuse fuggi finché sei in tempo, probabilmente ha qualcosa da nascondere, anche perché sovente la clausola visto e piaciuto è quella usata nella compravendita dell’usato, e poi finisci per dover andare per vie legali!

Se invece il venditore fosse disponibile, inizia con la carrozzeria, controlla che il su stato corrisponda alla descrizione fatta dal veditore e sia congrua al prezzo. Tuttavia, del camper, le cose più importanti sono la parte meccanica e gli interni. Chiedi al venditore di poter vedere il camper in assetto di marcia, in modo da capire se tutto è funzionante. Non si deve poi trascurare di controllare con molta attenzione tutta la documentazione perché serve a capire se tutto è in regola, come per esempio i chilometri segnati nel contachilometri. 

Anche col camper si corre il rischio dei chilometri scalati e qui non hai altra possibilità se non quella di far controllare il mezzo presso un centro specializzato.

Certificare camper: è possibile o il Certificauto è solo per le auto?

L’unico modo per capire se dal punto di vista meccanico è tutto a posto è il Certificauto. Con la certificazione il mezzo viene sottoposto a una serie di test atti a dimostrare che il camper sia conforme a quanto dichiarato dal venditore e che non abbia difetti non dichiarati, tra cui quello dei km scalati è tra i più compromettenti per quanto riguarda la funzionalità. Ovviamente, se un mezzo ha più km di quello che è stato dichiarato, si possono correre dei rischi anche gravi per la propria incolumità e quella dei passeggeri.

Banner

Certificauto effettua anche un test drive per capire come si comporta il mezzo in marcia. Attenzione però, se la risposta alla domanda se si possa certificare il camper è sì, va aggiunto che i questo specifico caso Certificauto esamina tutta la parte meccanica, ma non effettua controlli per quanto riguarda gli interni, quindi il funzionamento di eventuali elettrodomestici e impianto elettrico, scopri quando puoi richiedere il Certificauto
Solo con Certificauto hai la garanzia di poter acquistare un mezzo conforme e privo di difetti. 

NEWS RECENTI

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI