Carburante auto, quale è meglio scegliere in vista di un acquisto per risparmiare?
SET 10

Carburante auto: per quale optare?

10 settembre 2018
Scegliere un’auto di per sé, se non si hanno le idee chiare, non è facile, ma scegliere anche in base al tipo di alimentazione è ancora più complicato. Auto ibride, a metano, a diesel, a gasolio, quale ci da una maggiore possibilità di risparmiare e, soprattutto, quale può essere considerata una spesa che verrà ammortizzata e non persa in virtù delle nuove regolamentazioni sulle emissioni? In altre parole, oggi come oggi, quale auto, nuova o usata, ci conviene acquistare? Quale tipo di carburante auto dobbiamo prendere in considerazione?

Banner

Carburante auto, l’ago della bilancia

Quando si deve acquistare un’auto si devono fare diverse valutazioni, non ci si può quindi fermare al solo costo del mezzo, ma dobbiamo considerare anche quelli che saranno i suoi consumi i quali sono determinati in modo incisivo dal tipo di carburante con cui il mezzo viene alimentato. 

Facciamo un esempio concreto. Un’auto a benzina, di questi tempi, può essere ritenuto un acquisto vantaggioso in base al suo costo. Sia nuove che usate le auto a benzina hanno costi decisamente inferiori rispetto a quelle a diesel o ibride. Va però considerato anche il costo della benzina e il consumo dell’auto. Viceversa, un’auto a diesel può costare di più, ma consente di risparmiare sulle spese del carburante e una ibrida permette non solo di risparmiare sul carburante ma anche di inquinare meno, quindi di circolare laddove la circolazione per le auto più inquinanti è preclusa. 

Insomma, fare una scelta dipende da diversi fattori, proviamo ad analizzarli per dare una mano a chi deve fare un acquisto imminente.

Le auto a benzina, pro e contro

Se si usa la vettura di frequente la convenienza del suo prezzo di vendita viene assorbito dai consumi. In buona sostanza si tratta di un’opzione valida solamente per chi fa un uso sporadico dell’auto e percorre pochi chilometri. D’altro canto, però, le auto a benzina hanno una manutenzione che richiede spese inferiori rispetto agli altri tipi di alimentazione.

Quindi con queste auto si fa un buon affare? Diciamo che se si acquista una citycar, non la si usa per lunghe percorrenze, i consumi si abbattono notevolmente. C’è poi un altro vantaggio che deve essere considerato: il blocco motori a benzina sarà totale solo nel 2030, quindi chi deve acquistare un’auto a benzina oggi può avere la certezza che potrà utilizzarla fino a tale data.
 
Auto a diesel, siamo sicuri che convenga?

Un auto a diesel può costare di più di un benzina, sebbene attualmente i prezzi siano dati in calo, tuttavia, i costi molto bassi dei consumi sono un incentivo all'acquisto. Il gasolio, infatti, ha un costo medio di 1,5 euro al litro, al netto delle oscillazioni periodiche. Tuttavia, se si pensa di acquistare un’auto a diesel, si deve valutare l’uso che se ne farà, diciamo che conviene soprattutto a chi percorre molti chilometri, il risparmio si nota se si percorrono tra i 15 mila e i 20 mila chilometri all'anno.
 
Tra i pro però si deve valutare anche la resa della vettura, la grinta, la resistenza. Detto questo, diamo uno sguardo anche a quello che sarà il futuro delle auto a diesel. Al contrario di quelle alimentate a benzina, queste verranno bloccate entro il 2020

Il sindaco di Milano, per esempio, bloccherà da prima le euro 4, entro il 2019, per 4 mesi durante la stagione invernale. Nel 2021 il blocco sarà totale per la categoria euro 4. Nel 2024 sarà la volta del blocco delle euro 5 e nel 2025 delle euro 6. Chi vuole acquistare un diesel è avvisato: il risparmio è solo momentaneo.

Auto a GPL, si risparmia il 50% sul carburante

I costi del GPL, almeno in termini di carburante, consentono un risparmio del 50% rispetto alle auto a benzina. Tuttavia i consumi del carburante sono maggiori rispetto a quelli di un’auto a benzina. I conti si devono fare bene quindi, considerando che nel 2018 il costo medio del gpl è di 0,66/30,673 euro per litro. 

Col metano si risparmia davvero

Con le auto a metano si spende 2/3 in meno rispetto alla spesa per il carburante delle auto a benzina, ma con un pieno si possono fare circa 250/300 km e ancora oggi i distributori non sono presenti in modo capillare su tutto il territorio. Inoltre a seconda dello stile di guida, il rischi di usurare rapidamente le valvole del motore è elevato. 

Auto ibride, a che punto siamo

Ultimamente la diffusione delle auto ibride è notevolmente aumentato, ma se si opta per questo tipo di vettura è bene orientarsi sui modelli plug-in che permettono di ricaricare le batterie del motore elettrico anche attraverso una tradizionale presa di corrente, cosa che consente di effettuare un maggior numero di chilometri a zero emissioni e di risparmiare sul carburante.

Banner

In conclusione che auto scegliere?

In definitiva il nostro consiglio è quello di optare per un’auto adatta al proprio stile di guida e all’utilizzo che se ne fa, considerando il budget di spesa. Resta un discorso valido anche per le auto usate, ma in questo caso non dimenticate di far effettuare i controlli del caso onde evitare brutte sorprese. Richiedi un Certificauto per avere la certezza di un acquisto privo di rischi.

NEWS RECENTI

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI