Mantenere un'auto quanto costa? Ci sono diverse voci di spesa da considerare
DIC 13

Quanto costa mantenere un'auto

13 dicembre 2018
Acquistare un’auto, oggi come oggi, è una cosa alla portata di tutti. Per chi ha un budget contenuto, è diventata un’ottima chance il mercato delle auto usate. Ormai si trovano  tantissimi modelli diversi e a prezzi molto convenienti. Ma il vero problema, soprattutto per i più giovani, è mantenere un’auto, non tanto acquistarla. Quanto ci costa, quindi, mantenere l’auto ogni anno? Le cifre sono sbalorditive perché, secondo una ricerca, si spendono poco meno di 4.500 euro l’anno. 

Banner

Mantenere un’auto può costarci tanto

Quando si pensa all'acquisto di un’auto, il primo pensiero va al suo costo, a quanto si può spendere per il nuovo o per l’usato, ma non sempre si pensa, almeno nell’immediato, a quanto possa costare mantenerla. Eppure, secondo alcuni dati recenti, la spesa per mantenere l’auto si aggira attorno ai 4.400 euro l’anno a testa. 

Ma come si arriva a ottenere questa cifra, che per correttezza ricordiamo essere solamente indicativa? Si parte da un’analisi del mercato, in questo caso quello dello scorso anno che finalmente ha mostrato valori pari a quelli del periodo antecedente la crisi, con una crescita dell’8%.

Il punto iniziale è la spesa globale nazionale di questo segmento, spesa che va poi spartita tra ciascun automobilista. Quindi, se per esempio per l’acquisto delle auto si sono spesi 49,4 miliardi di euro, per il carburante 53,3 miliardi, per la manutenzione e le riparazione 41,6 miliardi, per l’assicurazione 13,5 miliardi e per il bollo 6 miliardi, si ottiene la cifra che abbiamo visto. 

Ora non resta che dividerla per automobilista e si conviene che la spesa indicativa è di 4.400 euro annui. Insomma, non si tratta proprio di una somma irrisoria, soprattutto per chi sta affrontando un periodo economicamente complesso o per i più giovani, che magari stanno ancora studiando e non hanno che qualche lavoretto. 

La Campania è la regione che spende di più

A spendere di più per mantenere l’auto è la Campania. Gli automobilisti campani, infatti, di media spendono circa 2.156 euro. Il 44% di questa cifra viene speso in assicurazione, circa 941 euro, il 38% viene speso in carburante, circa 828 euro e la rimanenza, il 9% per bollo e revisione. A lasciare a bocca aperta è il costo dell’RC auto, ma è purtroppo quasi ovvio che in una grande città il rischio di sinistri sia più elevato e di conseguenza anche il costo dell’assicurazione. 

A invertire il trend della Campania è il Friuli Venezia Giulia, che di contro, ha appunto il costo medio per l’auto più basso. Se si vuole risparmiare si deve quindi vivere in questa regione virtuosa dove mantenere l’auto costa circa 1.117 euro all'anno, più o meno 400 euro in meno rispetto a quella che è la media nazionale. 

Anche la Valle d’Aosta, comunque, è abbastanza economica sotto questo aspetto. Qui la spesa per mantenere l’auto può aggirarsi attorno ai 1.260 euro, mentre in Emilia Romagna, mantenere l’auto, costa circa 1.314 euro.

La spesa per il carburante

E adesso, invece, esaminiamo le singole voci di spesa. Una delle più rilevanti è quella del carburante che incide per il 52,6% sul costo annuo. In questo caso, però, la regione più esosa non è la Campania, ma il Molise dove si spendono, per il carburante, attorno ai 1.174 euro. 

A differenza di quanto si possa pensare, però, questo costo non è dovuto ai rincari del carburante, dove il Molise, chiaramente, ha dei costi che rientrano perfettamente nella media nazionale, ma per i chilometri percorsi. Infatti, stando alle stime, gli abitanti del Molise, in media, percorrono circa 15 mila chilometri con la propria auto, tra i più alti del Paese. 

Il bollo, la spesa fissa più odiata

Il bollo, come il canone TV, è tra le spese meno amate dagli italiani. Eppure, il costo medio di questa spesa è di circa 171 euro all'anno, quindi non stiamo certo parlando di cifre astronomiche, tuttavia, soprattutto quando si tratta di ragazzi senza lavoro, a anche un paio di centinaia di euro ha il suo peso. 

Come si può risparmiare sui costi auto

Ovviamente si può intervenire solo laddove le spese siano flessibili, quindi non di certo sui costi del bollo. Mentre si può cercare di risparmiare sui costi carburante ed RC auto. Nel secondo caso, quindi nel caso dell’RC auto, il consiglio è quello di valutare diversi preventivi, oggi ci sono molte assicurazioni online che propongono prezzi convenienti. Il segreto, come è facile immaginare, è quello di non fare incidenti. 

Per quanto riguarda il carburante, si dovrebbe sempre cercare di rifornire dove costa meno, ma soprattutto avere una guida senza accelerazioni improvvise, si dovrebbe mantenere un’andatura costante e, soprattutto – ma questo è anche un discorso di sicurezza – si deve controllare l’auto, in particolar modo se viene acquistata usata, oltre a valutare i modelli più interessanti per rapporto qualità prezzo. 

Banner

Si deve fare attenzione che i chilometri dichiarati corrispondano a quelli effettivi, un’auto con più chilometri consuma di più. Noi di Certificauto abbiamo, purtroppo, visto diverse auto con i chilometri scalati, ma grazie ai test che facciamo per certificare l’auto usata, è possibile evitare questa truffa.

Infine, controllate la pressione e l’usura delle gomme, le gomme lisce fanno consumare più carburante, e soprattutto sono pericolose. Ultimo, ma non ultimo, se possibile spostatevi a piedi nei brevi tragitti, ne guadagnerete anche in salute.

NEWS RECENTI

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI