Verifica chilometri auto seconda mano
AGO 03

Verifica i chilometri dell’auto di seconda mano: ecco la guida definitiva

3 agosto 2016

Acquistare un'auto usata negli ultimi tempi è diventata un'operazione molto comune. In parte questo aumento di consumatori che scelgono un'auto seconda mano è dovuto alla minore capacità d'acquisto causata dalla crisi, in parte a una nuova concezione dell'usato e del risparmio, laddove per risparmio s'intende evitare sprechi. Se anche tu hai deciso di acquistare un'auto usata, probabilmente ti starai chiedendo da dove si deve cominciare per fare un buon affare ed evitare di essere truffato. Bene, la prima cosa che ti si può consigliare, allora, è quella di fare attenzione a una delle truffe più comuni, quella delle auto schilometrate.


Banner


Cos'è la truffa dei chilometri scalati


Iniziamo col dire che è sempre bene fare una verifica chilometri auto quando si sta decidendo di acquistare un'auto usata. Questa truffa, infatti, ha un'altissima incidenza e viene, purtroppo, messa in atto anche nelle concessionarie, non solo dai venditori privati, per cui se stai pensando che forse è il caso di spendere un po' di più ma avere in cambio la certezza di un acquisto sicuro presso un concessionario, fermati e leggi tutto, perché sono stati diversi i concessionari colti in flagrante mentre manomettevano il contachilometri.


Perché è di questo che si tratta in buona sostanza: nelle auto schilometrate il contachilometri viene manomesso affinché i km segnati siano inferiori rispetto a quelli reali, facendo così sembrare più nuova l'auto, guarda questo video al minuto 28 http://www.video.mediaset.it/video/striscialanotizia/full/martedi-4-aprile_707662.html. Qual è lo scopo? Naturalmente quello di vendere un auto che ha un tot di valore perché magari ha 3, 4 o più anni a un prezzo maggiore, come se per esempio avesse solo un anno e pochi chilometri. Si tratta quindi di una cosa assolutamente illegale e che in quanto tale viene punita dalla legge (con una sanzione), a patto però che la truffa venga dimostrata.


In ogni caso arrivare a scoprire se i chilometri sono stati scalati non è proprio facile, in compenso scalarli è un giochino se si hanno gli strumenti adatti, strumenti che oggi come oggi possono essere facilmente acquistati sul web con una minima spesa.


Il volume d'affari di questa truffa si aggira sui 9,6 miliardi, il che tradotto in percentuale significa che circa il 40% delle auto usate immesse sul mercato europeo non ha i suoi km reali ma ha subito un "ritocchino". Per arginare questo fenomeno si sta quindi pensando a delle misure di sicurezza drastiche, come un database comunitario  dove rintracciare i km delle auto. Intanto però ci si deve arrangiare da soli e, come detto, la cosa non è proprio facilissima se non si possiede il software che "legga" gli effettivi chilometri dell'auto. Tuttavia, ci sono alcuni segni che possono quanto meno farti pensare a un possibile raggiro, vediamoli.


Se l'auto ha i km scalati vengo risarcito?


Partiamo con le brutte notizie, e quindi dalla peggiore delle ipotesi: hai acquistato un'auto e ti sei reso conto che ha i km scalati, come ci si deve comportare? Purtroppo in Italia non si va nel penale, sebbene un'auto con i km scalati sia un reale pericolo per l'incolumità sia di chi la guida che per gli altri, perché naturalmente non avrà le stesse prestazioni di un'auto i cui chilometri sono realmente pochi. E allora? E allora non si ha nemmeno diritto a un risarcimento, come dire, oltre il danno la beffa. Se hai acquistato una delle auto schilometrate, l'unica cosa che puoi fare è richiedere uno sconto sul costo del mezzo. A fare scuola è una sentenza del tribunale di Lecce che ha rigettato l'istanza di un cittadino truffato. Questi aveva acquistato un'auto con 67 mila km e in realtà ne aveva percorsi 140 mila. Niente risarcimento però, solo la restituzione della differenza in base a una valutazione di Quattroruote.


Occhio al web


La prima cosa che devi fare è quella di porre attenzione agli annunci sul web. Se da una parte è vero che i chilometri vengono scalati anche dalle concessionarie, dall'altra è vero che gli annunci di auto siano irti di insidie, non solo questa dei km scalati quindi. La regola fondamentale che devi imparare a memoria è che non sempre il prezzo più basso indica un buon affare, al contrario, può nascondere diverse magagne. Lascia perdere a priori quelli dove non vi sia almeno una foto dell'auto, ma anche quelle dove la foto c'è, ma la targa non è leggibile o non venga indicata, potrebbe essere il segnale che il venditore non voglia farti fare ricerche sulla sua vettura. Lascia perdere e va oltre. Se l'auto è all'estero l'unico modo per essere certi di un acquisto sicuro è quello di chiedere un Certificauto, vedremo più avanti di cosa si tratta.


Banner


Indagini preliminari: sull'auto e sui proprietari


Una cosa assolutamente doverosa se si intende acquistare un'auto usata è quella d fare le dovute indagini. Vai sul pubblico registro automobilistico, PRA consultabile anche online, o tramite Aci e prendi le informazioni sul veicolo che intendi acquistare, ovviamente ti serve la targa. Cosa puoi scoprire? Molte cose interessanti, prima di tutto l'anno di immatricolazione. Se l'auto è stata immatricolata nel 2007 e ha 300 km inizia a farti venire qualche sospetto. A meno che il proprietario non sia un anziano signore che usa pochissimo l'auto, all'80% sotto c'è qualche truffa. Sapere l'anno di immatricolazione ti sarà molto utile anche per verificare le successive manutenzioni dell'auto.


Manutenzione dell'auto, un indizio interessante


Fatti dare dal proprietario il libretto dell'auto, li troverai tutte le revisioni del mezzo. Non ti serve essere un abile matematico per fare un paio di conti e verificare che questi siano coerenti con l'età dell'auto e con quelli dichiarati dal venditore e segnati sul contachilometri. Se ci fosse eccessiva discrepanza tra i vari tagliandi e revisioni e i km dichiarati, inizia a farti venire qualche dubbio sull'onestà del venditore.


Controlla gli interni e gli esterni dell'auto


Un metodo non infallibile, ma che comunque può dare qualche indizio sulla veridicità del contachilometri dell'auto che stai acquistando è lo stato della vettura. Controlla bene la carrozzeria, che non mostri particolari segni di usura, e soprattutto gli interni. Facile che la carrozzeria sia stata riverniciata, per cui non ti darà informazioni esaustive al 100%. Gli interni invece sovente vengono trascurati dai venditori. Cosa devi controllare? Essenzialmente tutte quelle parti che possono consumarsi con la normale usura. Per esempio, il pomello delle marce ha segni ben definiti o i numeri sono un po' cancellati? Stesso discorso per le zigrinature antiscivolo dello sterzo e dei pedali, soprattutto controlla acceleratore e frizione.

Se l'auto viene venduta con copri sedili, non avere timore di toglierli e verificare lo stato della tappezzeria, se è consumata, non si tratta certo di un'auto con pochi chilometri. Controlla anche il motore, quello non mente. Intanto prova l'auto, se il motore è allegro e arzillo, può essere che i km  siano effettivamente quelli dichiarati, se al contrario si presentasse usurato e poco brillante, fatti venire qualche dubbio.


Controllo elettronico


Tutti questi metodi non ti daranno la sicurezza di fare un acquisto scevro da raggiri, ma possono darti un'indicazione. Se vuoi essere più sicuro per quanto riguarda almeno la truffa dei chilometri scalati, puoi chiedere a un elettrauto di verificarli con l'apposito software che scandaglia tutte le centraline. Anche in questo caso però non potrai avere la certezza al 100% perché esistono metodi di diminuzione dei chilometri all'avanguardia.


Come mi difendo dai chilometri scalati?


Il modo più sicuro per evitarti tutti questi grattacapi e di richiedere mille consulenze, è quello di chiedere un Certificauto. Questo è l'unico modo per stare davvero tranquillo. Il Certificauto, infatti, è un documento che viene rilasciato solo dopo un'accurata serie di test effettuata sul mezzo da professionisti. Solo se l'auto passa tutti i test viene certificata come usato garantito. Sì, perché con Certificauto non solo avrai la certezza di quello che stai acquistando, ma anche di avere una garanzia anche se acquisti da un privato.


Come sai, infatti, le auto vendute da privati non sono coperte dalla garanzia legale, che viene invece offerta a chi acquista dai concessionari. Un'auto certificata con Certificauto, invece, è un'auto garantita da uno a due anni.


Perché correre rischi comprando un usato di cui non sai nulla? Richiedi adesso un Certificauto e goditi la tua nuova auto certificata e sicura!


Banner


NEWS RECENTI

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI